Fibrosi Cistica Emilia

Cena e premiazioni del 25° anniversario

ConsiglioDirettivoVenerdì 21 Ottobre si è svolta nella magnifica sala del Circolo di Lettura e Conversazione del Palazzo della Riserva di Parma, in via Melloni, la cena tra i Presidenti delle Associazioni regionali della Lega Italiana Fibrosi Cistica, il Direttivo della Associazione Emiliana, con Medici e operatori sanitari del Centro Fibrosi Cistica di Parma e i Responsabili dei Centri di cura di altre regioni. Presenti anche i medici e ricercatori che sabato 22 hanno relazionato sulla situazione attuale della Fibrosi Cistica nel convegno che abbiamo organizzato presso la sala congressi dell’auditorium Paganini.

La cena, evento organizzato all’interno della manifestazione celebrativa del 25° dell’Associazione Emiliana Fibrosi Cistica, ha voluto rappresentare un momento di confronto e dialogo fra coloro che, ognuno sul proprio territorio, prestano servizio di volontariato nell’ambito di questa malattia. Il luogo non poteva essere più adatto se pensiamo che venne istituito nel 1858 dalla duchessa Maria Luisa di Borbone con la motivazione di “dare uno spazio a quegli studiosi desiderosi di quelle cognizioni più recenti  che sogliono dare i giornali scientifici”. Perché è proprio questo che fanno i soci delle Associazioni di volontariato che operano in ambito socio-sanitario quando si incontrano: si scambiano esperienze, informazioni, strategie per concorrere insieme nella lotta alla malattia e nella cura del malato.

La nostra presidentessa, Brunella Bonazzi, ha aperto la serata dando il benvenuto agli ospiti insieme al Consiglio Direttivo dell’ass. Emiliana presente al completo: i vicepresidenti Mariagrazia Veneziani, Giuseppe Ceresini e Raffaella Nespoli, i consiglieri  Marco Bonati, Gian Luigi Grzincich, Loredana Melioli, Luca Menozzi, Simona Rivi, affiancati dai Responsabili di zona Bodini, Brunori, Garattini, Riggio, Santachiara,Vitali.

In sala i Presidenti delle Associazioni Regionali oltre a quello nazionale della Lega Italiana Fibrosi Cistica, Franco Berti e i Rappresentanti Istituzionali che con la loro presenza hanno voluto sottolineare l’importanza di un’azione condotta in sinergia. L’on. Carmen Motta, deputato PD nel Parlamento Italiano, l’assessore della Provincia di PR alle politiche sociali, volontariato e associazionismo, sig.ra Marcella Saccani. Diversi soggetti che concorrono a formare una rete dedicata importante, finalizzata al costante miglioramento della cura attraverso la ricerca.

Nel corso della serata sono state conferite attestazioni di riconoscimento alle persone che in questi anni hanno sostenuto l’Associazione Emiliana con particolare impegno.
Premiazione Dott.sa BattistiniMomento di forte emozione, con una standing ovation ed un lunghissimo applauso, si è vissuto per la presentazione e premiazione della prof.ssa Augusta Battistini, a cui si deve la nascita del Centro di Fibrosi Cistica a Parma e che molto ha fatto per sollecitare la creazione dell’Associazione Emiliana stessa. Un medico caposcuola, pioniera a livello nazionale ed internazionale in questo settore che con “competenza, passione e autorevolezza” ha operato per molti anni nell’ambito della patologia FC.   Il Vice presidente Ceresini, dopo la consegna della targa, ci ha fatto sorridere imitando la Prof.Battistini di 30 anni fa che con il suo fare autorevole aveva “incoronato” direttamente tre genitori nelle cariche necessarie per costituire l’Associazione, senza possibilità di replica!

Con molta riconoscenza per il supporto istituzionale ricevuto, l’Associazione ha consegnato la targa anche al dr. Ferdinando Sandroni, ex delegato del Sindaco di Parma per Associazionismo e Cooperazione. molto vicino a questa patologia anche perché portatore sano di FC e persona che ha subito un lutto nella sua cerchia famigliare.
Attestati di riconoscimento sono andati inoltre a:
– Adas Bormioli Luigi, consegnato al presidente Sig. Cavagni e il suo vice P.Luigi Spotti.
– Gruppo volontari  “I ragazzi di Ricerchiamoci”  di Ghedi (BS).
– ex Presidente Ass. Emiliana Casiraghi Giancarlo per il quale ha ritirato la figlia, Luisa Casiraghi.
– Scotti Marinella per il Gruppo Volontari serate in Villa Dati (CR).
– Ferrari&Scalabrini s.n.c. di S.Martino in Rio (RE).
– Rappresentanti dei Boys Parma 77.
– La famiglia Ippolito di Parma.

Per chi scrive, che solo da pochi anni collabora più attivamente alla vita dell’Associazione Emiliana, è stata un’ulteriore occasione di conferma della bontà della propria scelta, oltre alla soddisfazione di far parte di un gruppo di volontari, di amici, che in questi 25 anni ha raggiunto obbiettivi importanti ed è pronto ad affrontare positivamente le sfide degli anni a venire.

(F. Riggio – dal Comunicato dell’Ufficio Stampa con la collaborazione della Presidenza dell’Associazione Emiliana F.C.)

Tavola  ATTESTATI

Rassegna Stampa:

Cena-GazzettaDiParma

Gazzetta Di Parma

NUOVO: Articolo e fotografie sul sito della Associazione Valle D’Aosta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto